TEATRO LAB 2018

Posted by on mar 7, 2018 in slideshow | 0 comments

 

Etoile Centro Teatrale Europeo

presenta

Festival Internazionale Teatro Lab

Teatro Franco Tagliavini – Novellara

Teatro Ruggero Ruggeri – Guastalla

8 – 21 aprile 2018

 

“ Cosa Sarà”

LabWEB2

 

 

  

In collaborazione con:

Comune di Novellara

Comune di Guastalla

Comune di Correggio

Comune di Reggio Emilia

Provincia di Reggio Emilia

 

Patrocini:

FITA – Agiscuola

 

Partners Formativi:

Istituto Galvani Iodi

Istituto Silvio D’Arzo

Istituto Mario Carrara

Istituto Filippo Re

Creative College

Roc Midden Nederland

Escola Profissional De Comérc.Externo, Portogallo

Centro Integrado de Formación Profesional José Luis Garci di Alcobendas (SP)

Associazione Pro.Di.Gio

 

                                                               Partners Artistici:

Etoile International – Utrech

Compagnie TA58 –La Chaux-de-Fonds

Festival Itc San Lazzaro – Bologna

Ars Ventuno – Correggio

ATER – Emilia Romagna

 

Partners Tecnici:

Associazione Commercianti Novellara Viva

TVM – Italgraf

Borgo delle Querce

Guastalla Live

 

Cosa sarà, è proprio da qui che siamo partiti, anche quest’anno, per organizzare il Festival, una manifestazione che ha sempre cercato di provocare incontri e confronti tra giovani. Per tutto l’anno accademico ci siamo interrogati su questo quesito di non certo facile soluzione. Sono preoccupato, sono molto preoccupato per questo mondo che sta invecchiando invece di crescere ed essere fiero delle proprie scoperte; di questo mondo che vede al potere di grandi nazioni persone convinte di giocare alla guerra schiacciando pulsanti come in un talent show. In questo mondo sempre più sporco e cieco, su questa terra che sembra ruotare sempre più veloce, in questo nostro Paese ormai inerme ed ancor peggio insensibile alla bellezza e ai talenti…. cosa sarà? Il nostro è un Festival che vive solo attraverso la passione, l’impegno ed i sogni di giovani, studenti, insegnanti e professionisti che ancora si battono “gridando per farsi sentire” e per svegliare questo stato di assopimento sempre maggiore. Teatro è arte ed incontro, teatro è condivisione, teatro è benessere, teatro è formazione, teatro a scuola è tutto questo messo assieme! E allora non abbiamo certo la presunzione di salvare il mondo da soli,  ne tanto meno di scadere in discorsi retorici e banali, ma crediamo di avere quantomeno la forza perché un festival possa  fare “casino” ,“confusione”! Perché un festival possa far parlare  e funzionare il dialogo cuore/cervello.

Siamo in attesa dei tanti giovani attori e attrici, degli insegnanti, dei colleghi che con gli anni hanno deciso di credere assieme a noi in questo evento, non solo come una vetrina di spettacoli, ma come momento in cui la vera battaglia la si gioca sul campo con intelligenza, sensibilità e cultura e allora alla domanda “cosa sarà” forse non daremo una risposta, ma certo susciteremo domande, tante domande! Vi aspettiamo per dialogare assieme

Buon Festival!

Daniele Franci

Direzione Artistica

 

 

 

Ancora una volta, con molto piacere, saluto la nona edizione del Festival Internazionale Teatro Lab  “Cosa sarà” che porterà in scena dall’8 al 21 aprile nei teatri di Novellara e Guastalla tante compagnie formate prevalentemente da studenti provenienti da scuole di tutta Italia che hanno profuso energie organizzative e creative davvero importanti per la costruzione di questo progetto, coordinato con grande capacità e lungimiranza da Etoile e dal suo direttore artistico Daniele Franci.

Un impegno motivato non solo dalla passione per il teatro, ma anche dalla forza di questa arte capace di comunicare emozioni e sentimenti a chi la pratica e a chi ne è spettatore. Il teatro è una grande risorsa per la scuola, un’occasione per chi vi partecipa di confrontarsi con tutte le fasi della sua realizzazione e soprattutto un modo per imparare a lavorare insieme agli altri per concorrere al risultato finale.

E’ una palestra educativa che come istituzioni da tempo valorizziamo perché ne riconosciamo il valore per la crescita individuale e collettiva dei ragazzi, per la costruzione di relazioni di collaborazione e per lo stimolo a superare paure, barriere e pregiudizi.

I temi affrontati dagli spettacoli in cartellone sono i più vari, tutti accomunati dal filo rosso della ricerca del senso della vita, dell’impegno e della responsabilità.

E’ dunque motivo di grande soddisfazione ospitare nella nostra provincia un così ricco e variegato Festival di Teatro che rinnova la bellezza e la magia di un’arte antichissima che ancora oggi affascina e coinvolge.

Un grazie a tutti coloro che hanno reso possibile questo appuntamento: agli studenti, agli insegnanti alle compagnie italiane e straniere, agli sponsor, ai teatri e ai comuni ospitanti.

Grazie a coloro che vorranno partecipare come spettatori a questi incontri di intelligenze, capacità e talenti per condividere riflessioni, interrogarsi sul futuro e alimentare, proprio partendo dai nostri giovani e dal teatro, una speranza per questo bellissimo Paese.

Ilenia Malavasi

vice Presidente della Provincia

 

Cosa sarà, ovvero la domanda che cela più attese, inquietudini, speranze, paure, mistero. Il Festival Internazionale Teatro Lab quest’anno porta in scena una delle riflessioni più profonde, un vero interrogativo esistenziale, e lo consegna – come sempre – all’interpretazione dei più giovani.

E così questa nuova edizione di Teatro Lab diventa un viaggio nel tempo, nello spazio, nell’anima.

Consegnare alle più giovani generazioni, ai nuovi talenti, il compito di interpretare un interrogativo di questo genere significa aprirsi a sollecitazioni nuove e forse imprevedibili.

Il titolo, Cosa sarà, lo preannunciava già in modo affascinante e misterioso. Ora, leggendo le trame dei tanti spettacoli portati in scena dai ragazzi delle scuole e dei corsi di teatro, è impossibile non restare colpiti dalla varietà di tematiche che verranno portate quest’anno sul palco del teatro Tagliavini di Novellara e del Ruggeri di Guastalla.

Dall’antica Roma all’Ucraina, dagli anni ’20 al futuro distopico, passando per le storie classiche del teatro greco… questi spettacoli dipingono un mondo variegato e dalle diverse tinte, ora fosche ed ora allegre. La riflessione sul futuro, su ciò che le generazioni dopo di noi vedranno, è cruciale in questo momento. Cruciale perché per troppo tempo si è ignorato il peso delle nostre azioni in relazione agli effetti che i nostri comportamenti hanno su chi verrà dopo di noi. Oggi, come donne e come uomini, abbiamo invece la possibilità di interrogarci su questo e di fare la differenza. Cruciale perché le giovani generazioni, da sempre affamate di futuro, sembrano oggi scivolare verso l’insicurezza, la paura, la sensazione di non essere adeguati e di non riuscire a conquistare quel domani, quell’indipendenza che non sono più così a portata di mano.

Ringrazio il Centro Teatrale Etoile e il Direttore artistico Daniele Franci con tutto il suo staff per questa sempre sorprendente iniziativa che volge quest’anno alla nona edizione a Novellara. Ogni anno rappresenta un capitolo nuovo e mai rituale, mai scontato, segno di una capacità di leggere e interpretare i cambiamenti e le evoluzioni culturali. Novellara è pronta ad ospitare ancora una volta i talenti e le energie che da tutta Italia e dall’Europa arriveranno per raccontarci Cosa sarà.

Il Sindaco di Novellara

Elena Carletti

 

Per il terzo anno consecutivo Guastalla partecipa al Festival Internazionale Teatro Lab, ospitando presso il Teatro Comunale Ruggero Ruggeri varie rappresentazioni nell’ambito di una manifestazione che cresce ogni volta in qualità e prestigio a livello internazionale.

Anche questa 9a edizione coinvolge diverse realtà culturali, educative e sociali del territorio: gli istituti scolastici di Guastalla, il teatro, i luoghi della storia, le associazioni,  la città intera. Soprattutto, vede centinaia di ragazzi, provenienti da tutta Italia (ma anche dall’estero), mettersi in gioco ed esprimere i propri talenti creativi nell’ambito di un’esperienza che va ben oltre l’esibizione in sé. La rassegna, infatti, nasce dall’idea di teatro come luogo di socialità, di amicizia, di condivisione per favorire l’incontro generazionale e il confronto fra ragazzi nel segno dell’espressione creativa.

Un’amministrazione comunale attenta ai giovani non può che sostenere iniziative come queste che promuovono la  formazione e l’arte in modo trasversale, nella scuola e oltre l’ambito propriamente didattico.

Per gli studenti dell’Istituto Russell, dell’IPS Mario Carrara, dell’Istituto Comprensivo F.Gonzaga e l’Istituto “Sant’ Orsola” è l’occasione per conoscere coetanei di diversa provenienza e sperimentare insieme a loro un progetto artistico a 360 gradi. Tutti i partecipanti, da parte loro, hanno l’opportunità di conoscere la nostra città e il nostro territorio. Già molte classi, ad esempio, hanno mostrato interesse a visitare la Biblioteca Maldotti e il museo-laboratorio “C’era una volta la scuola” presso l’Istituto F. Gonzaga, due luoghi di cultura unici e strettamente legati alla nostra storia.

Durante la settimana, sono in programma al Ruggeri spettacoli, danze e performances dalla mattina alla sera per far vivere lo spazio teatrale durante tutto il giorno come un work in progress, ampliando le sue potenzialità e la sua vivibilità. Altro luogo cardine della rassegna è il Palazzo Ducale, palcoscenico cittadino di grande prestigio, dove si svilupperanno una serie di attività e laboratori collaterali, non solo in ambito artistico ma anche organizzativo e di coordinamento: da quest’anno alcuni giovani sono stati coinvolti nella direzione generale di Etoile C.T.E..

 

Ringrazio come sempre Daniele Franci, ideatore e direttore artistico di Teatro Lab, per la sua grande sensibilità e la capacità di coinvolgere studenti e insegnanti in progetti di alto calibro.

 

Camilla Verona

Sindaco di Guastalla

 

 

 

ANTEPRIMA DEL FESTIVAL

Sabato 3 Marzo 2018

 

 

TEATRO FRANCO TAGLIAVINI NOVELLARA

Ore: 9.15 e Ore 10.45

Ore: 20.30

“Tomorrow Project”

di Laura Alberti, Daniele Franci

 

CoProduzione internazionale

 

Viviamo in un mondo che corre veloce, in cui tutto ci sfreccia accanto e nulla ci tocca davvero.

Quante cose passano davanti ai nostri occhi ogni giorno?

Quante ne guardiamo realmente?

Quante ne decidiamo di fermarci ad osservare?

 

In una città un giorno cambia qualcosa, un ragazzo diventa improvvisamente cieco senza alcuna ragione apparente; questo non è un caso isolato ma l’inizio di un’epidemia di cecità che sommerge la città come una marea improvvisa.

Durante i giorni della cecità gli abitanti della città vengono isolati dal resto del mondo, riscoprendo sentimenti primordiali come la paura del prossimo e l’incapacità di comunicare, fino ad arrivare a capire che forse in questa nuova condizione l’unico modo di sopravvivere è cercare di smettere di guardare con gli occhi ed iniziare ad osservare il mondo con il cuore.

Tomorrow (International Project) è una lente d’ingrandimento sul mondo in cui viviamo oggi, dove in molti ormai sono diventati ciechi che pur vedendo, non vedono il mondo che li circonda.

 

 

Produzione Internazionale che vede coinvolti 50 studenti provenienti

dall’Istituto Galvani – Jodi di Reggio Emilia.

Istituto Silvio D’arzo di Montecchio Emilia,

istituto Filippo RE di Reggio Emilia

Creative College di Utrecht (NL)

Centro Integrado de Formación Profesional José Luis Garci di Alcobendas (SP)

in collaborazione con Etoile Centro Teatrale Europeo,

Etoile International e

Teatro Franco Tagliavini di Novellara.

 

 

 

    INAUGURAZIONE DELLA

       9° EDIZIONE DEL FESTIVAL

 

Domenica 8 aprile 2018

 

 

            TEATRO FRANCO TAGLIAVINI  NOVELLARA

                Apertura Ufficiale del Festival

 

Ore: 17.30

 

“Casa de Tàbua”

Di e con André Casaca e Irene Michailidis

 

Chi avrebbe mai detto che quella casa potesse andare cosi lontano. In una giornata iniziata come quella di ieri, non ci si poteva aspettare tanto. La cosa certa è che un incontro importante arriva dopo un lungo viaggio e così è stato. Due Mondi. Lui con la sua casa viaggiante, lei con la sua casa sonora.

Lui con il suo silenzio impacciato e morbido, lei con le sue abitudini precise e ritmiche. Il loro incontro davanti allo sguardo del pubblico li rende ancora più assurdi, più fragili a tal punto che i martelli ballano per loro. Vedersi dalla terrazza ma non riuscire a trovarsi davanti alla porta, pulire casa, sognare, far colazione, darsi appuntamento sotto un lampione sopra una sedia e salutarsi. Casa de Tábua è un incontro inaspettato tra suono e gesto che rivela il lato comico dell’uomo nel quotidiano.

Casa de Tábua è un luogo assurdo ma per noi così reale, che se un giorno riprendessimo quel viaggio lo vorremo portare appresso proprio come le nostre case.

“In un mondo dove la vita normale è vissuta in modo assurdo, il clown vive l’assurdità in modo normale”.

 

André Casaca é uno dei maggiori professionisti del teatro corporeo e clown sul territorio italiano. Attore, Ricercatore Teatrale, Clown, Regista, ideatore del metodo “Educazione comico – relazionale”. Si dedica al teatro da più di 23 anni, il suo metodo artistico e pedagogico é riconosciuto in Italia e all’estero, nel campo della formazione teatrale e universitario. E’ Direttore Artistico e Pedagogico del Centro Culturale Teatro C’art e collabora con le maggiori Scuole di Teatro professionali nazionali.
Irene Michailidis, attrice musicista, italiana d’origine greca. Diplomata in chitarra classica, studia composizione sperimentale al Conservatorio di Parma. Parallelamente segue diverse formazioni teatrali in Italia, in Polonia e in Francia. Nel 2009 si trasferisce in Francia, dove elabora durante tre anni nuovi progetti di ricerca che uniscono l’espressione musicale e il linguaggio teatrale, nell’ambito di una specializzazione al Conservatorio di Strasburgo

 

 

 

NOVELLARA

 

Lunedì 9 aprile 2018

Ore: 14.30

Il Maestro e Margherita

Scuola: Liceo Scientifico“Elio Vittorini”

Città: Milano

Categoria: Prosa

 

Trama: Il diavolo compare nella Mosca sovietica e quindi atea, sotto le spoglie di un Professore straniero scortato da una pletora di personaggi improbabili. Il risultato è il caos. Ma intanto, un Maestro appartato nella sua stamberga, scrive un romanzo su Ponzio Pilato e un certo profeta Joshua. Attraverso Margherita, amante del Maestro e prescelta del diavolo, i due entreranno in contatto. Ma allora niente sarà più ciò che sembra e uno spettacolo comico e surreale diventerà un racconto sapienziale, dove i piani temporali e interpretativi si mescolano. E alla fine riusciremo forse a intravedere la trama del Disegno che è molto diverso dal Destino cui spesso crediamo.

 

 

 

Martedì 10 aprile 2018

Ore: 9.00

παρμν θάλασσα Il Mare Vicino a Noi

Scuola: IISS“R.Canudo”

Città: Gioia del Colle (BA)

Categoria: teatro danza

 

Trama: “Si parte in ogni momento. Ogni volta si lascia qualcosa per qualcos’altro, qualcuno per qualcun altro…”. Con questo spettacolo partiamo dal classico per approdare al contemporaneo. Lo facciamo attraverso il racconto del viaggio per eccellenza, quello dell’Ulisse Omerico, metafora dell’inestinguibile sete di conoscenza dell’uomo, del suo chiedersi “cosa sarà…”, della sua infinita tensione verso il superamento del limite  e della straordinaria capacità di immaginare il proprio mondo e provare a realizzarlo. Ulisse è uno di noi. Così questa rilettura dell’Odissea diventa occasione per parlare del nostro tempo e dei tanti Ulisse  che dal sud del mondo si mettono in viaggio per costruirsi un futuro attraverso il “grande mare”, il mare mediterraneo, mentre noi assistiamo indifferenti alla morte di tanti, troppi. Nessuno torna a casa. Nessuno si salva da solo.

 

Ore: 10.45

“Schiocchini”

Scuola: Liceo scientifico “G.Oberdan”

Città: Trieste

Categoria: Prosa

 

Trama: In un remoto villaggio Ucraino, gli abitanti conducono la propria esistenza senza il minimo supporto dell’intelligenza. Vittima di una maledizione vecchia di due secoli, tutta la popolazione non è in grado di compiere alcun ragionamento sensato. L’arrivo in paese del nuovo insegnante cambierà le cose. Il volenteroso professore cercherà di capire la ragione di tanta dilagante stupidità e di porvi rimedio. Riuscirnno la conoscenza e l’amore a spezzare la maledizione?

 

 

 

 

Mercoledì 11 aprile 2018

Ore: 14.30

Studio su Caligola

Scuola: Liceo Scientifico Statale“Grazio Cossali”

Categoria: Prosa

Città: Orzinuovi (BS)

 

Trama: Caligola, disperato per la morte di Drusilla, sua sorella e amante. La sua rabbia e il desiderio di vendetta per l’ingiustizia della vita, sono però svaniti dentro un “tempo visionario” dell’anima. Egli attraversa l’impero come un elegante fantasma, in compagnia della sua lucida follia, che si trasfigura in un coro poetico dalle forme circensi. In questo viaggio sospeso, in cui irrompono le vite in “pericolo” dell’amico, guerriero e poeta Scipione, di Cherea il letterato che vuol vivere felice, dei Senatori, buffoni che sono il riflesso della caduta dell’impero, di Elicone servo opportunista, è però Cesonia la vera antagonista che, con la sua capacità d’amare, annulla la tragedia imminente. Cesonia, con la sua folgorante umanità, insinua il dubbio di una nuova possibile Luce.

 

Ore: 20.30

Pluriball

ITAF

ITAF International Theatre Academy of Fita

Scuola permanente di alta formazione delle arti dello spettacolo

Regia: Daniele Franci

 

Tema di “Pluriball” è l’aria: «Provocatoriamente – spiega Franci – nel linguaggio comune si equipara l’aria al niente, a qualcosa di vuoto e privo di significato. In realtà, nel nostro percorso siamo partiti dalla considerazione che aria ed emozioni sono indispensabili per essere vivi e da qui abbiamo analizzato il ruolo dell’attore oggi, soffermandoci sul suo compito di generare emozioni in un Paese che, però, vive in un crescente stato di analfabetismo emozionale». Da tutto questo è nato “Pluriball”: «Il materiale che dà il titolo allo spettacolo – continua Franci – è il simbolo perfetto del nostro tema: infatti, se dalle palline del pluriball tolgo l’aria non rimane che plastica e questo materiale, nella sua essenza, muore».

 

 

 

Giovedì 12 aprile 2018

Ore: 9.00

Ponzio Pilato

Scuola: Liceo Scientifico Classico “G.Peano-S.Pellico”

Città: Cuneo

Categoria: Prosa

 

Trama: Chi è Ponzio Pilato? Un tiranno crudele e spietato? Un funzionario pavido e tentennante? Una maschera disincantata e ironica della famosa battuta: “che cos’è la verità?”? una figura teologica senza la quale la passione di Cristo non si sarebbe compiuta? Oggi è santo per la chiesa ortodossa etiope e martire della chiesa copta. Qui più modestamente lo immaginiamo nelle segrete stanze del potere a rimuginare su quale possa essere la soluzione migliore per risolvere il caso Gesù Cristo.

 

 

Ore: 10.45

Amalia

Scuola: Liceo Classico e Linguistico Statale“F. Petrarca”

Città: Trieste

Categoria: Prosa

 

Trama: Amalia, Amalia, Amalia… Quanto eri bella, chiunque sarebbe rimasto ore ad ascoltarti cantare, ma soprattutto ad osservarti e ti avrebbe voluto amare. I tuoi occhi violi dominavano nel night Cotton Club. Per te c’era Marcello, il povero italiano, c’era quel suo strano amico, il silenzioso Vince, e poi c’era anche Nuno, che sembrava uscito fuori dal nulla. Tutti loro per te avrebbero fatto di tutto. Ma davvero pensavi che Owney ti avrebbe lasciata andare via dal suo night Club? Tu eri la gallina dalle uova d’oro, la sua fortuna, la sua ricchezza, eri tutto anche per lui… E chissà a te di chi importava davvero, in quella New York degli anni 20…

Proveremo a scoprirlo attraverso gli occhi di un vecchio Vince che, ad anni di distanza, ripercorre la tua storia, o almeno, ciò che per lui è stata, ciò che per lui SEI stata…

 

GUASTALLA

 

Lunedì 16 aprile 2018

Ore: 9.30

Antigone

Scuola: ISIS “I.Bachmann”

Città: Tarvisio (UD)

Categoria: Prosa

 

Trama: Lo spettacolo riprende il testo della tragedia “Antigone” d Sofocle, ambientando l’azione scenica nella Grecia antica. La sceneggiatura è completamente inedita e presenta, attraverso le vicende della tragedia classica, molte tematiche moderne:

  • la responsabilità (Antigone è cosciente di disobbedire alla legge e pronta a pagarne le conseguenze. Si assume in modo esclusivo la responsabilità del suo agire, allontanando da sé la sorella Ismene per timore che anche lei sia coinvolta, venendo duramente punita);
  • il conflitto ta libertà di coscienza e rispetto della legge (la protagonista da ascolto alla voce della sua morale piuttosto che agli oblighi derivanti dal suo status sociale di principessa- non sempre ciò che è legale è anche morale e viceversa);
  • il difficile rapporto tra padre e figlio (il Re Creonte calpesta il sentimento del figlio Emone che, alla fine, si ribella alla rigidità ed al cinismo del padre):
  • l’importanza assoluta della vita umana (il personaggio di Tiresia, saggio veggente, conclude lo spettacolo ponendo allo spettatore una domanda retorica).

Sono presenti anche due scene, nella quali i personaggi chiave della tragedia (Creonte e Antigone) vengono “assaliti” dalle voci discordanti della loro coscienza.

L’arredo di scena è volutamente minimale: l’unico elemento simbolo è il trono, mentre particolare cura è stata posta nella realizzazione dei costumi.

 

Ore: 11.00

Le Metamorfosi di Ovidio

Scuola: IIS“Italo Calvino”

Categoria: Prosa

Città: Rozzano (MI)

 

Trama: Alle nozze di Cadmo e Armonia arriva un carro di Tespi, cioè una compagnia teatrale. La compagnia mette in scena tre miti delle “metamorfosi” di Ovidio: il mito di Io; il mito di Europa: Cadmo e la fondazione di Tebe. Alla fine la compagnia fa una profezia. Ma chi sono davvero gli attori della compagnia?

Metamorfosi come punizione; metamorfosi come salvezza; metamorfosi come rivelazione della propria essenza; metamorfosi come disvelamento di una divinità…in un mondo in continua tumultuosa a volte catastrofica trasformazione, risalire all’origine delle metamorfosi può offrire uno sguardo totalmente nuovo sul nostro mondo e i suoi principi, vizi e vezzi, e forse può svelare anche qualcosa di noi e del nostro essere nel mondo a noi stessi. Da Ovidio a Kafka il teatro, arte di per se metamorfica, alla ricerca della trama del nostro oggi.

 

Martedì 17 aprile  2018

Ore: 9.30

Sulle Orme di Pitagora…per l’Armonia del Mondo

Scuola: IIS “Bernalda-Ferrandina

Città: Bernalda (MT)

Categoria: Prosa

 

Trama: La rappresentazione dello spettacolo ha come unico filo conduttore PITAGORA di SAMO. Il filosofo è ritenuto essere uno degli uomini più illustri, stravaganti ed eclettici dell’antichità, vissuto nella MAGNA GRECIA del VI secolo a.c., Pitagora, dopo innumerevoli viaggi, arrivò il terra LUCANIA, dove trascorse gli ultimi anni della sua vita. Fu oggetto di così tanta ammirazione che la sua casa fu trasformata in un tempio. È proprio la sua presenza nella nostra terra, che considerò matura per cultura e sapienza, a riempirci di orgoglio tanto da voler realizzare un lavoro teatrale riguardante la sua vita e il suo pensiero.

 

 

 

Ore: 11.00

Il Sorriso di Antigone

Scuola: IIS “B.Russel”

Città: Guastalla (RE)

Categoria: prosa

 

 

Trama: Valige che custodiscono desideri, affetti, conflittualità, storie di vita, sono portate in viaggio da donne che scelgono il proprio futuro. Antigone è l’eroina della libera scelta che qui si riflette in ogni donna che ha il coraggio di infrangere condizioni limitanti di vita. Lo spettacolo è una partenza, un “cosa sarà” l’ignoto futuro che il cambiamento comporta e che si nutre di speranze, illusioni, conquiste, e difficoltà. Il canto, la parola, il gesto coreutico raccontano questo viaggio nell’emozione che assume, anche con toni ironici, le parole dell’Antigone di Anouilh a manifesto di libertà.

Diretto da Antonella Panini, in collaborazione con Antonella Fornasari, lo spettacolo è realizzato dalle studentessa della scuola secondaria Bernard Russell.

 

 

 

Mercoledì 18 aprile 2018

Ore: 9.30

L’Importanza di Chiamarsi Ernesto

Scuola: ITC “P.F.Calvi”

Città: Padova

Categoria: prosa

Trama: Earnest in realtà non esiste: è un’invenzione di Jack, gentiluomo di campagna che a Londra frequenta Algernon e Gwendolen. Di quest’ultima chiede la mano, ma a causa delle sue origini di trovatello, Lady Bracknell, madre della amata da Jack, si oppone. Algernon si reca a casa di Jack e con il falso nome di Earnest corteggia Cecily, pupilla di Jack. Il contemporaneo arrivo in campagna di Jack, Gwendolen e Lady Bracknell scatena una serie di equivoci, scambi di personalità e incastri che rendono la commedia esilarante e avvincente, fino alla sua ironica e lieta conclusione.

 

 

Ore: 11.00

Filumena Marturano

Scuola: ITC “P.F.Calvi”

Città: Padova

Categoria: teatro danza

 

Trama: è la storia di una donna cosciente, ricca di intelligenza istintiva e di forza morale, una donna che conosce le leggi della vita a modo suo e a modo suo le affronta.

Donna matura con un passato difficile, si finge moribonda per farsi sposare da Don Mimì Soriano, un impenitente donnaiolo, con il quale convive da venticinque anni.

Il matrimonio viene annullato, ma Filumena riuscirà una volta per tutte a far emergere se stessa e le proprie ragioni nei confronti di un mondo fortemente maschilista in nome dei suoi tre figli.

 

 

Giovedì 19 aprile 2018

Ore: 10.00

C’era una Volta

Scuola: IPS “Mario Carrara”

Città: Guastalla (RE)

Categoria: prosa

 

Trama: “C’era una volta…” è una spettacolo che vuole porre l’attenzione sulle nostre vite semplici e fragili, ma anche per questo cariche di bellezza.

Simbolo di questo è il cencio, che è una stoffa oramai logorata dalle vicissitudini incontrate nel percorso e quindi carico di storie da raccontare.

Denunciando prima le innumerevoli paure a cui siamo sottoposti ogni giorno dai mezzi di comunicazione, cerchiamo poi di trovare quali sono le nostre reali paure in mondo da far chiarezza e riscoprire anche la bellezza e la felicità che ci circondano.

Il nostro cencio è logoro e vecchio, ma la sua storia racchiude bellezza e felicità.

 

 

NOVELLARA

 

Sabato 21 aprile 2018

Ore: 10.00

International Creative Lab

Progetto Internazionale

Lab Academy – ROC Creative College, Olanda – Etoile International

 

 

 

Nasce questa coproduzione nel vero senso etimologico del termine ovvero cooperare per la produzione di uno spettacolo, una mise in espace, un esperimento teatrale. I fautori: giovani dai 18 ai 30 anni, destinatari: il pubblico di Teatro Lab. Gli allievi e le allieve di Lab Academy incontrano gli allievi di Cretiove Collge di Utrecht e in una settimana di residenza condivisa per realizzerare una performance di teatro e danza in cui i primi protagonisti della scena saranno proprio loro.

Teatro Lab diventa quindi un vero laboratorio di creatività e produzione professionale…. Un scommessa, una vera e proprio scommessa!  ma del resto come diceva Dario Fo “lasciamo ai giovani la responsabilità di creare un nuovo futuro e un nuovo teatro, spetta a noi il compito di creare le risorse e le possibilità da poter impiegare  .

 

 

Lo Staff del Festival

 

Daniele Franci, Meri Zambelli,  Maria Grazia De Marco,

Lorena Zambelli,  Wietse Ottes, Piero Tumia,

Marten van der Weele,

 

Staff di Accoglienza Studenti dell’Istituto Filippo Re  , Reggio Emilia

Studenti dell’Istituto Mario Carrara, Novellara, RE

Staff Tecnico  Creative College Roc Midden Nederland, Utrech,

Etoile International, Olanda, Escola Profissional De Comérc.Externo, Portogallo

 

 

si ringraziano per la preziosa collaborazione

i Dirigenti Scolastici, gli insegnanti e gli studenti degli istituti coinvolti;

Le istituzioni che hanno sostenuto l’iniziativa;

i commercianti e gli albergatori che hanno aderito alla manifestazione per l’accoglienza delle scuole;

 tutti coloro che involontariamente abbiamo dimenticato ma che nel tempo hanno fatto vivere questa manifestazione rendendola unica nel suo genere in Italia.

 

 

 

Biglietteria ed Informazioni

PER GLI SPETTACOLI AL MATTINO (tutti)

 

Costo del biglietto ad un singolo spettacolo 3,50 euro

Costo del biglietto per due spettacoli a scelta 6,00 euro

 

PER GLI SPETTACOLI SERALI

Costo Biglietto intero 10 euro

Costo Biglietto ridotto per Soci Etoile 5 euro

 

Tutti i biglietti possono essere prenotati a Etoile

Tel  342-8633632

e-mail – formazione@centroetoile.eu

 

LA BIGLIETTERIA APRE 30 MINUTI  PRIMA DELL’INIZIO DELLO SPETTACOLO

 

Il presente Avant Programme può subire variazioni non dettate dalla volontà

 della direzione del Festival.

 

Scarica il BANDO TEATRO LAB 2018